STAY WITH ME BEAUTIFUL WORDS

Premessa: se oggi mi leggete un po’ così, un po’ distratto, non ci fate caso.
Perché, come si dice… Non mi andava di fare un cazzo.

Quindi ho semplicemente scritto una lista di parole che mi piacciono, di quelle che ti riempiono la bocca e ti fanno sembrare intelligente ed erudito mentre favelli.
Le trovate, in ordine sparso e corredate dal loro bel significato offerto dal signor Treccani, di seguito.

FW3IH0L

Le parole sono importanti!

Affabulatorio | agg. [der. di affabulare], letter. – Che si serve dell’affabulazione per narrare, rappresentare scenicamente e sim.: racconti pervasi da una vena fantastica e affabulatoria.

Norrèno | agg. [dal nordico norron «settentrionale»]. – Detto della lingua e della letteratura dei Norvegesi (sia nella madrepatria sia nelle colonie d’occidente, soprattutto nell’Islanda), dal sec. 9° circa, ossia dall’età vichinga, fino alla metà del sec. 14°. La letteratura norrena, che qualitativamente primeggia tra le germaniche antiche, ha creato i generi letterari del carme eddico, del carme scaldico e della saga, e ci ha tramandato, nelle forme più antiche, le leggende germaniche (a cominciare dalle nibelungiche), permettendoci di conoscere la mitologia, la religione, la vita dell’antico mondo germanico al culmine del suo sviluppo storico e alla vigilia del passaggio al cristianesimo.

Tricotomìa1 | s. f. [comp. di trico- e -tomia]. – Nel linguaggio medico, la rasatura di peli o capelli su un’area cutanea che debba essere sottoposta a medicazione o sutura per una ferita, o che sia sede di un intervento chirurgico; t. perineale, quella che viene sistematicamente eseguita, in ambiente ospedaliero, sulle partorienti, per agevolare l’antisepsi e il trattamento di eventuali lacerazioni.

oppure:

Tricotomìa2 s. f. [comp. del gr. τρίχα «in tre parti» e -tomia, sul modello di dicotomia; cfr. gr. τριχοτομέω «tagliare in tre parti»]. – Divisione in tre parti, in tre sezioni o elementi.

Ignìfugo | agg. [comp. del lat. ignis «fuoco» e –fugo] (pl. m. –ghi). – Di sostanza (miscele di borace e acido borico, fosfati acidi) usata per impedire o limitare la combustione di un materiale di facile accensione (legno, carta, tessuti). Anche come s. m.: un ignifugo.

Fonoassorènte | agg. [comp. di fono– e assorbente]. – Nelle costruzioni, detto di materiale o struttura adatta ad assorbire l’energia sonora (sinon. di assorbente o isolante acustico): pannelli f., collocati lungo i viadotti stradali.

Mefistofèlico | agg. (pl. m. –ci). – Che è proprio di Mefistofele; maligno, perfido, diabolico: volto m.; espressione m.; o sarcastico, beffardo: riso, sorriso, ghigno mefistofelico. ◆ Avv. mefistofelicaménte, in modo mefistofelico: ridere, ghignare mefistofelicamente.

Gorgonauta | s. m. [comp. di Gorgo e –nauta gr. ναύτης «navigante»] LSerie di soldatini giocattolo immaginaria dal film Small Soldier, creata dall’immaginaria multinazionale statunitense Globotech. Sono pacifiche creature dall’aspetto mostruoso, alla continua ricerca della loro terra perduta.

Gloglottare | v. intr. [voce onomatopeica, cfr. glo glo] (io gloglòtto, ecc.; aus. avere), non com. – Fare glo glo, detto dell’acqua che gorgoglia, dei tacchini, ecc.

Oftàlmico | agg. [dal gr. ὀϕϑαλμικός, der. di ὀϕϑαλμός «occhio»] (pl. m. –ci). – Che riguarda gli occhi o le malattie oculari: pomata o.; disco o., esile placca medicamentosa da introdurre sotto le palpebre e applicare sul bulbo oculare; ospedale, reparto oftalmico. In partic., in anatomia: arteria o., ramo collaterale della carotide interna, destinato al globo oculare; nervo o. (o branca o.), prima branca del trigemino che nell’uomo prende origine dalla parte mediale del ganglio di Gasser; fuoriesce dal cranio attraverso la fessura orbitaria superiore e innerva la ghiandola lacrimale, i tegumenti della regione frontale, le palpebre, i muscoli ciliari e la regione del naso.

Ribosòmico | agg. [der. di ribosoma] (pl. m. –ci). – In biologia, sinon. di ribosomiale.

E quindi:

Ribosòma | s. m. [comp. di ribo(nucleico) e –soma] (pl. –i). – In biologia, nome di particelle del citoplasma cellulare che possono essere libere nel citoplasma o attaccate al margine esterno del reticolo endoplasmatico, oppure all’interno dei mitocondrî e dei cloroplasti: hanno forma sferoidale e un diametro di circa 200 Å, sono ricche di acido ribonucleico (e da ciò prendono il nome) e sono la sede della sintesi proteica.

Rutilante | agg. [dal lat. rutĭlansantis, part. pres. di rutilare: v. rutilare], letter. – Rosso vivo; più genericam., risplendente: chiome, gemme r.; occhi r.; glauca notte r. d’oro (D’Annunzio); luce piena e r. (Bacchelli).

Picaresco | agg. [dallo spagn. picaresco, der. di pícaro (v. picaro)] (pl. m. –chi). – Relativo a un genere letterario sorto in Spagna nella seconda metà del sec. 16° (il cui prototipo è considerato il romanzo anonimo Lazarillo de Tormes, 1554) e diffusosi poi nel resto d’Europa, caratterizzato dalla descrizione delle avventure dei picari, popolani furbi, imbroglioni e privi di scrupoli: letteratura p.; romanzo p.; novelle picaresche. Anche, che ricorda o rispecchia l’atmosfera, le situazioni, le trame tipiche di tale genere letterario: avventure p.; un gusto p. per il rischio.

Mandrino | s. m. [dal fr. mandrin; cfr. provenz. mandre, ant. «giogo della bilancia», mod. «manovella»]. – In tecnologia meccanica, l’albero della macchina utènsile sul quale si monta il pezzo in lavorazione (oppure l’utensìle quando il pezzo è fisso).

Tramòggia | s. f. [lat. trimŏdia «recipiente che contiene tre moggi», comp. di tri- «tre» e mŏdius «moggio»] (pl. –ge, raro –gie). – Apparecchio utilizzato per facilitare lo scarico, per gravità, di materiali sciolti, in polvere o in piccole pezzature, costituito nella forma più semplice da un recipiente a forma di tronco di piramide o di cono, con base minore in basso munita di un’apertura (bocca) chiusa da un portellino: trova applicazione in alcune macchine operatrici quali trafile e presse, nei gasogeni, nei silos per minerali e cereali, ecc.

Annunci

Google, Vol. 1 | A Google Images Dictionary

Rieccoci con un progetto fresco fresco! Sempre che viviate ancora nel 2012, s’intende.

Questa volta parliamo di uno dei libri d’arredamento slash opera d’arte slash concept book più interessanti dell’anno (sempre il 2012 eh…).

Slash-Guitar-Lesson-Theory

Slash

Trattasi, nello specifico, di un dizionario per immagini redatto utilizzando solo foto trovate sul famoso motore di ricerca mmeregano Gùgel. I due autori (questa volta inglesi) Felix Heyes e Ben West hanno pensato di togliere le parole che, si sa, in un dizionario non servono a una cippa, per sostituirle con la prima immagine pervenuta durante la ricerca del termine preso in esame, su Gùgel appunto.

Un esempio per il nostro lettore meno attento:
Se per assurdo volessimo creare il nostro dizionario per immagini, e cercassimo la parola, a caso eh, “Pompa” la prima immagine uscita dalla ricerca finirebbe nel vocabolario. Nello specifico, nel dizionario per immagini di Springmachine, dovremo inserire questa.

Se avete pensato male siete brutta gente.

Se avete pensato male siete brutta gente.

Ad ogni modo, questo mattone di oltre 1300 pagine di immagini di stock, zozzerie e riferimenti più o meno casuali si trova in  vendita online qui.

google_1

google_2

google_3

google-6-630x419

google-9-630x419

google-10-630x419

google-11-630x419

google-13-630x419

google-14-630x419

google-15-630x419

google-16-630x419

google-17-630x419

google-18-630x419

(via: lo splendido frizzifrizzi.it)